Lallafly

Preparare il seno all’allattamento durante la gravidanza serve?

Preparare il seno all'allattamento: sfatiamo i falsi miti

“C’è un modo per preparare il seno all’allattamento durante la gravidanza?”
“Con la prima figlia ho sofferto molto, in questa gravidanza come posso preparare il capezzolo per quando allatterò di nuovo?”

Sei in gravidanza, 9 mesi di attesa del tuo bimbo, 9 mesi che ti portano a volerti informare su cosa succederà nei prossimi mesi e a prepararti per accogliere al meglio il cucciolo che arriverà.
Fra le cose da preparare, insieme al corredino, spesso si pensa che il seno e i capezzoli, delle future mamme abbiano bisogno di preparazione. Sarà per le storie di capezzoli piatti, introflessi, inadatti, troppo piccolo troppo grandi, “non fatti per allattare”, che tutti fanno a gara a raccontarti…

Preparare il seno all’allattamento in gravidanza: su web ci sono tante sciocchezze.

Mi occupo di allattamento da quasi 15 anni e sono Consulente Professionale in Allattamento IBCLC, questo richiede una lunga formazione, un aggiornamento continuo e moltissima esperienza sul campo.
Mi rendo conto che spesso le informazioni che le mamme trovano non sono scientificamente validate, sono obsolete o semplicemente appartengono alla sfera delle credenze.
Con la curiosità di mamma e di professionista ho voluto guardare cosa consiglia “il web” sul tema caldo “come preparare il seno ad allattare” durante la gravidanza. Mi è venuta la pelle d’oca.

Nel mio giro sul web ho scovato queste perle di saggezza che vorrei condividere con te e sfatare i relativi miti.

1. Guanto di crine per irrobustire i capezzoli – No grazie!

Il consiglio più gettonato su web è quello di “irrobustire il capezzolo” o “irrobustire la pelle del seno”: lo scopo sarebbe quello di evitare le ragadi.

Diversi sono i modi consigliati, il top pare essere il guanto di crine da strofinare sul capezzolo e mi è sembrato di tornare indietro di 15 anni: anche a me per la prima gravidanza era stato consigliato… a leggerlo mi è corso un brivido sulla schiena.
Era doloroso e fastidioso, ma per il mio bambino ero disposta a farlo. Ora so che ho sofferto per nulla.

Ti svelo il segreto: il capezzolo è già pronto ad allattare! La preparazione che ti occorre è altra… ci torniamo in fondo al post.

Leggo in uno scambio fra mamme: “se usi il guanto di crine secondo me ti trovi meglio dopo, perché il primo periodo l’allattamento è un po’ doloroso proprio perché la pelle si deve inspessire… Il lavoro del guanto di crine lo fa il bimbo…”

Aiuto, il bimbo con suzione effetto “guanto di crine” è un pensiero terribile!!! La suzione del bimbo è delicata e, anche se la sensazione della lingua del bimbo potrà sembrarti strana in un primo momento, non dovrà mai essere dolorosa o fastidiosa.

I capezzoli sono fatti per allattare: non serve irrobustirli, tanto meno che facciano “il callo”, come alcune mamme mi hanno riferito sia stato detto loro.

2. Il papà che ciuccia il seno – ok, ma non per irrobustire il capezzolo!

“Pensa che una mia amica mi ha detto che la sua ostetrica sostiene che l’unico vero modo per preparare il capezzolo è farselo ciucciare dal papà  almeno dieci minuti al giorno… sarà vero?”

E’ indubbio che il papà ne sarà stato felicissimo, ma… no, non è vero!

3. Frizionare il capezzolo con oli e altre sostanze per idratarlo e disinfettarlo – No, anzi può essere controproducente.

“Io non pensavo di dover partire già da ora… invece ieri mi hanno fatto vedere come devo fare: praticamente mi hanno detto che devo massaggiare quasi frizionare il capezzolo 2 volte al giorno una volta con l’olio di mandorle dolci e una volta con l’alcol da farmacia.”

“I seni vanno lavati con cura, idratati e bisogna irrobustire i capezzoli con massaggi per prepararli all’allattamento.”

La credenza di dover “disinfettare” il capezzolo è radicata. In realtà l’alcol è controproducente, perché secca la pelle che tenderà quindi a spaccarsi.
I capezzoli sono naturalmente “disinfettati” dai tubercoli di Montgomery, piccole protuberanze intorno all’areola che secernono una sostanza antibatterica e che mantengono contemporaneamente la pelle idratata.

4. Il dolore in allattamento è fisiologico – No, il dolore è un sintomo da ascoltare

“Appena il neonato si attacca dal seno, il dolore si sentirà anche se avete avuto una certa cura con creme adatte e massaggi. Tuttavia, si tratta di un dolore “fisiologico” dato soprattutto dalla voracità del neonato.”

Ci possono essere neonati particolarmente efficaci nella suzione, anche voraci ma mai, mai, mai il dolore è fisiologico! Se lo senti, cerca un aiuto immediato in una persona competente in allattamento, che sia IBCLC (Consulente Professionale in allattamento materno) o operatore sanitario specificamente formato.

Di quale preparazione hai bisogno per allattare

Ricorda bene: il capezzolo non ha bisogno di preparazione, nè di irrobustirsi, di essere disinfettato o idratato con creme ed oli.
Oltre ai già citati tubercoli di Montgomery, il colostro ed il latte maturo o perfetto, cioè quello che viene prodotto dopo qualche giorno dal parto, sono degli antibatterici naturali molto efficaci.

La migliore preparazione per far fronte ad eventuali problemi (come le ragadi, che sono taglietti che si formano sul capezzolo, o sentire dolore durante la suzione) va fatta su altri fronti:

  1. è importante che ti prepari con le informazioni corrette, da fonti attendibili
  2. che individui, prima di partorire, l’operatore o gli operatori che in caso di bisogno possono aiutarti immediatamente a superare le difficoltà,
  3. e che ti prepari con un percorso personale, che lavori su di te, perché l’allattamento non è solo un gesto fisico, ma coinvolge emotivamente e psicologicamente te, le persone che ti circondano e tutta la famiglia e questo è in genere l’aspetto più delicato e difficile per far sì che il tuo allattamento sia una vera e propria “luna di latte”.

 

profile_new_03di Katia Micheletti

Consulente Professionale in allattamento materno IBCLC, tutor d’aula, formatrice, mamma

 

 

 

 

nonhoallattato_stamp allattamento_stamp focus_nonallattato_minifocus_allattamento_mini

 

 

immagine da Pixabay

0 Giudizi su Preparare il seno all'allattamento durante la gravidanza serve?"

Lascia un Messaggio

Seguici

Rimani connesso con le nostre pagine social per conoscere tutte le news riguardanti Lallafly

Su
©2016 Lallafly S.r.l. Via F.lli Rosselli 6 - 20900 Trezzano (MI) P.IVA IT09241630962 - C.F. 09241630962 - N. REA 2078609 - Privacy